Trucchi per Pc

 

Pag. Iniziale 

www.correggia.com - www.correggia.it

by Luca Correggia
 

 

 CORREGGIA - LE ORIGINI - LA DIFFUSIONE

 

  Questa sezione è dedicata al cognome Correggia,  raro e dalle lontane origini medioevali.

 

Si parla della sua origine e diffusione in Italia e all'estero. Infine alcuni link ai siti dei Correggia più noti.

 

I Correggia possono anche scrivermi qui                      -SU FACEBOOK IL GRUPPO DEI CORREGGIA

 

L'origine dei correggia

 

Incerto è l'origine del nome, ma deriva sicuramente da correggia (striscia, cinghia di cuoio usata come cintura). I fabbricanti delle correggie venivano chiamati correggiai

 

Con molta probabilità c'è un  legame tra la storia del comune di Correggio (che ha una correggia nel suo simbolo), il casato nobile "da correggio" ed il cognome Correggia. Documenti parlano di castro corregia, ed in seguito chiamato Corregia, che porteranno poi, al casato "da correggio".

 

Nel documento più importante si legge:

 

"Frogerio et Adalberto germani, filiis quondam Widonis de comitatu Reiense ( ... ) donamus ( ... ) tibi Sigheri presbyter et rectores Sancti Michaelis archangeli sito ubi dicitur Corregia finibus regiense (2)."

 

Il capostipite è un certo Wido Coregia, figli Frogerio ed Adalberto che, come scritto precedentemente in latino, sono indicati come Corregia.

 

Altre ricerche portano ad affermare che Wido Corregia abbia avuto 4 figli, Giacomo, Frogerio, Adalberto ed Alfonso.

 

La teoria più probabile è che da questi quattro figli siano nati i Correggia e i "da Correggio"

 

E' facile perdere o guadagnare una "g" o una "a" nel periodo medievale in cui tra latino e trascrizioni di nomi è tutto molto confuso.

 

Di tutta questa relazione, però, ne parlerò in maniera approfondita nel successivo paragrafo.

 

Il cognome più diffuso è Correggia, molto più rari e quasi scomparsi sono correggio, "da correggia", correggi. Scomparsi coregia e corregia

 

Nel medioevo i Correggia o i loro avi vivevano tra l'Italia centrale e quella settentrionale (l'attuale Emilia Romagna).

 

Molte volte, ho sentito nella mia famiglia leggende sui Correggia e su un famoso avo religioso, altre voci parlavano anche di un origine nobile, altre voci più improbabili di un origine spagnola.

 

Grazie alla tecnologia, finalmente queste leggende possono diventare realtà. Ed infatti un anti papa Correggia è esistito veramente intorno l'anno 1000. Quasi sicuramente è il religioso di cui si è parlato nei secoli della mia famiglia fino ai giorni nostri. Con il passare dei secoli, il nome, i fatti sono andati dimenticati tra le varie generazioni.

 

 

I Collegamenti tra Correggia, Correggio e "da Correggio" - l'origine dei Correggia ed il sogno della beata vergine

 

Sono molti i collegamenti che legano Correggio - da Correggio e Correggia e che mi fanno pensare che comunque sia proprio Correggia o Corregia l'origine di tutto.

 

I ceppi di Correggia, "da Correggio" e Correggio derivano da un unico avo Wido (Guido) Correggia (Corregia).

 

Praticamente scomparsi i "da Correggio" nel 1717 con Camillo, restano i Correggia che sono arrivati ai giorni nostri. Rimane, inoltre il mistero della nascita dei Correggia di Asti del secolo XIV, che pur avendo, apparentemente una storia a se, diversa da quella dei "da Correggio", hanno, in maniera impressionante uno stemma araldico molto simile.

Rimane da capire anche se i Correggia della Campania derivano direttamente da Wido Correggia o sono un ramo dei Correggia astigiani.

La mia ipotesi principale è che derivino direttamente dai Correggia emiliani.

Niente in comune, invece hanno i Correggia di origine genovese. Il nome, infatti deriva da una famiglia che fabbricava cinture (la correggia)

 

Parlando di Nicolò/Niccolò Correggia o "da Correggio" o "da Correggia" si ha già un forte indizio.

In: "Storia litteraria del principio e progresso dell' Accademia di belle lettere in Reggio Emilia" di Rinaldo I duca di Reggio.

Alcuni autori parlano di Niccolò Correggio o Niccolò da Correggio, ma Rinaldo I è chiaro.

 

Ecco alcuni passi del testo:

".... se si giudica che Caffio da Narni nel suo romanzo intitolato la morte del danese intenda favellare di quello soggetto che canta

# ivi era quell'amante di Correggia #

bisogna dedurne ancora che discorra di un Correggio mentre li signori di questa famiglia si trovano chiamate nelle scritture loro dalla Correggia, per una Correggia o cintura con la quale un capitano della stessa casa (Giberto) sognò di esser cinto dalla Beata Vergine che gli promise la vittoria: la quale conseguì in un fatto d'armi.

 

In altri passi del testo si chiarisce come Niccolò Correggio o da Correggio in alcuni casi erano i signori dalla Correggia.

 

ancora dell'apparizione della Vergine a Giberto d'Austria e di Correggia si parla in "An Account of Some of the Statues, Bas-reliefs, Drawings and pictures in Italy" di Richardson del 1722. In questo testo anche un impensabile collegamento tra il Pittore Mastro Antonio da Correggio che accettando 40 monete scrive di chiamarsi Antonio Lieto "da Correggia" scrivendolo su un foglio di carta con aquila incoronata.

L'autore successivamente cerca di spiegare perché questo artista si è firmato "da Correggia" ed ha accennato la storia della Vergine che accomuna Correggia con i Correggio. In realtà, secondo l'autore del testo, l'artista, Antonio Lieto "da Correggia" è Antonio Allegri da Correggio, noto come "il correggio".

 

chiarissimo il testo: "Relazioni degli stati europei lette al Senato dagli ambasciatori Veneti " del 1856 di Nicolò Barozzi  in cui si legge che nel secolo XVII "Correggio, tra Ferrara, Modena e Reggio è posseduto dai signori della Casa Correggia"

 

Ma è dalla storia del comune Correggio che si può chiudere il cerchio:

Nel sito del comune, si parla della storia di Correggio.

La leggenda aggiunge che Giberto avendo conseguita piena vittoria sull'esercito nemico, fabbricò sul luogo della battaglia il Castello di Correggio.
Sempre secondo la leggenda, a Giberto sarebbe apparsa la Madonna che gli fece cingere una correggia bianca sull'abito. Durante il combattimento il Condottiero si macchiò tutto di sangue all'infuori della Correggia. Di qui proviene lo stemma di quei Signori - una correggia bianca in campo rosso - ed il nome di loro casata.
Il nome di Correggio appare però assai tardi. La prima carta che lo accenna è del 945, in cui si nomina un Ercemberti de Corregia.

Il Muratori, per parte sua, ha osservato che col nome di Corrigium o Corrigia indicavasi nei bassi tempi un tratto di paese che sollevandosi alquanto sopra le acque dalle quali era cinto all'intorno, offriva luogo opportuno ad abitarvi.
 

Un'altra anologia si trova negli stemmi nobiliari di due famiglie: i Correggia di Asti e i "da Correggio"

Lo stemma dei "Principi di Correggia" ha, come quello dei Correggia di Asti due leoni con sfondo blu e due aquile coronate su sfondo giallo. Al centro degli scudi una correggia (o cintura) su sfondo rosso

 

 

L'avo anti papa - Guiberto Correggia (o Giberto) chiamato anche Clemente III

 

Citazione num. 1 tratto dal:  "Dizionario di erudizione storico ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni" di Gaetano Moroni Romano (aiutanti di Gregorio XVI) - venezia 1840 - pagina 191

 

 

"Clemente III, detto prima Guiberto Correggia di Parma (anno 1084). Era arcivescovo di Ravenna fatto da Alessandro II, cancelliere di Enrico IV. Abbandonata l'insegna dei Guelfi, seguì le parti ghibelline in grazia dell'imperatore Enrico. Il decreto della sua elezione in data 25 giugno è piena di atroci ingiurie contro Gregorio VII. All'avviso di tali attentati Papa Gregorio scomunico Enrico e l'eletto anti papa. Per lo che quell'imperatore assalì invano la capitale del mondo cattolico per ben due volte, ma la terza volta, essendo stati corrotti alcuni coll'oro gli furono aperte le porte al 21 marzo 1084. Occupato il palazzo lateranese, Enrico pose sul trono pontificio l'antipapa Guiberto, e Gregorio VII si ritirò in Castel sant'Angelo.  L'antipapa Guiberto mantenne lo scisma pel corso di tre successivi pontificati.

I deputati del conte Ruggero normanno posero ai piedi di Pasquale II centoventicinque marchi d'oro, Pasquale con tali mezzi non tardò a fugare Guiberto da Albano; nella qual fuga morì all'improvviso nel 1100. Le sue ossa, fatte disotterrare dallo stesso Pasquale II furono gittate nel fiume per togliere al popolo la falsa opinione che avesse dati segni di santità.

 

Citazione num. 2 da "Nauvelle biographie generale depuis les temps les plus recules jusq'à nous jours" -  Parigi 1863 - pagina 514

il testo (in francese) descrive brevemente la storia dell'antipapa Guibert Correggia nato a Parma e morto a Ravenna nel 1100. La famiglia con molta probabilità discende dai conti d'Asburgo

 

altre citazioni: delle cospirazioni di Guiberto Correggia (o Guibert o Gilbert) contro Gregorio VII parla anche "the Dublin Review"  di Patrick Wiseman del 1969 e del "the Dublin Review di Burns, Oats e c. del 1878 che parla di Gilbert Correggia, arcivescovo di Ravenna. che cospira contro Gregorio

 

Qualche altra citazione, parla di Guiberto legato a correggio e ai "da correggia" - ecco, che il triangolo correggia, correggio, da correggio si chiude. Nello stemma di Guiberto, ecco una correggia.

 

Correggia: scrittori del 1500 - sempre Niccolò Correggio (da Correggio) o Correggia (da Correggia)

 

Citazione num. 1 tratto da:  "Accademie e bibliotece d'Italia" anno 1927  -

Nicolò Correggia - "Opere intitulate la Psyche et l'aurora" (venezia 1510)

in un altro testo (Bibliografia delle antiche rappresentazioni italiane sacre e profane di Paul Colomb)...

è invece Nicolò da Correggia

 

Citazione num. 2 tratto da:  "Biblioteca Italiana, ossia de' libri rari italiani" di Niccola Francesco Haim anno 1803  -

si cita la Cefalo Favola di Niccolò della Correggia Reggiano. Vineggia pel Rusconi 1510 e 1518

 

 

Correggia: nobili origini

 

Ci sono due rami nobili dei Correggia.

 

I primi sono i Correggia di Asti (ho già precedentemente parlato del loro stemma)

I secondi sono i Correggia che compaiono nel testo seguente:

Libro d’Oro della Nobiltà di Genova - 1920  Autore: Scorza, Angelo .

In realtà i secondi sono nobili acquisiti, perché derivano da una famiglia di ricchi Correggiai (fabbricanti di cinture) che grazie ai loro denari si iscrissero al libro d'oro della nobiltà di Genova.

Non ci sono relazioni tra i Correggia di Genova e tutti gli altri

 

Correggia: innamorati

 

nel testo:The Complete Poetical Works of Samuel Rogers: With a Biographical Sketch, and Notee di Samuel Rogers -(1844)

In una nota, a pag 432 si legge di un segreto del secolo XVII di Galeazzo Visconte (Duca di Milano) innamorato di una bellissima fanciulla chiamata Correggia.

L'amata Correggia che rubò il cuore di Galeazzo Visconte è citata anche in St. Elmo di Augusta Evans - pag 389

 

Correggia: altre traccie

 

nel testo: Modelling the Individual Di K. A. E. Enenkel, Betsy de Jong-Crane, P. Th. M. G. Liebregts  a pagina 277 si parla del ritratto della vita di Eric Jan Sluijter.  L'artista rinascimentale, dopo una sosta a Roma soggiornò a Parma con i "Lords of Correggia"

 

 

 

La diffusione del cognome Correggia in Italia

Ogni nucleo ha un'unica origine, la traccia più antica è Wido Corregia. Ricordo che la maggiorparte dei cognomi italiani nascono proprio nel medio evo, accostando spesso il cognome ad un mestiere o un termine/vocabolo usato nel medioevo, pur non escludendo che Correggia o  coregia o corregia sia addirittura precedente. La parola correggia ha infatti origini latine ed è una striscia di cuoio o anche striscia di terra, come mostra la frazione Correggia in provincia di Bari che significa proprio striscia di terra.

Attualmente Il nucleo più diffuso è in Piemonte. A seguire quello della Campania.

Chi nasce prima? forse i piemontesi. Guarda la casualità, i "da correggio" sono pochissimi in Italia e tutti in Piemonte

Artigiani battilamiera emigrano dalla Campania (S.Antimo) a Catanzaro tra le due guerre mondiali. Questo nucleo, dapprima in grande espansione (i tre fratelli maschi generano 15 figli) si rimpicciolisce notevolmente a seguito delle emigrazioni soprattutto in Lombardia. Ancora non è certo se i nuclei campani piemontesi derivano da due fratelli (questa è la leggenda che si tramanda nella mia famiglia)

Strano e particolare è proprio il nucleo della Lombardia che in realtà non ha un unico capostipite (come nelle altre regioni) ma una serie di rimescolamenti di famiglie che tra loro non si conoscono. In Lombardia c'è il nucleo di origine catanzarese (più numeroso), piemontese e provenente dalle altre regioni. Analoga la considerazione del Lazio

Ecco i nuclei in cifre:

1) Piemonte 55 famiglie circa ( Torino - Asti Cuneo  - Biella - Alessandria)

2) Campania 30 famiglie circa - prov. Napoli (18) Caserta (12)

3) Lombardia 8 (Milano (5)  / Bg/ Pavia Como) - (La maggiorparte del nucleo di Catanzaro e campano)

4) Calabria - circa 5 famiglie (Catanzaro - Crotone. Dal nucleo di Catanzaro si genera quello di Crotone)

5) Lazio 5 (Roma - Latina - Rieti) - anche qui, soprattutto origini campane

6) Toscana  3 (Livorno - Grosseto - Lucca)

7) Liguria (Savona - Genova)

 - Emilia Romagna (Modena) -

Sardegna (Oristano) - nucleo originario (campano)

 - Sicilia (Ragusa -Vc)

 

La diffusione del cognome Correggia nel mondo

In Europa c'è un nutrito nucleo che risiede in Francia (originario dalla fine 1800 ai  primi del 1900). Un altro piccolo nucleo è negli Stati Uniti (New York, California e Florida). Di questi ceppi non italiani si parlerà in un successivo aggiornamento.

 

Link

Ed ecco altri collegamenti di altri siti di Correggia

http://www.francoma.it/amici%20artisti/amiciartistihome/03correggia/pagine/albumcontatti.htm

E' il mio preferito, perché si tratta di mio zio, artista e docente al Brera di Milano che ha appena completato alcune tele che si trovano nella chiesa di.S. Stefano a Pila (valle d'aosta). Ma non vi fate fuorviare, non è un artista di opere sacre

www.matteocorreggia.com

vini piemontesi nella casa vinicola correggia. Di qualità superiore. Purtroppo Matteo Correggia è morto mentre lavorava schiacciato da un trattore

www.enricocorreggia.com

compositore e direttore d'orchestra a Torino ma nato a La Spezia. Un altro musicista, Enrico, è nato ad Oristano

http://www.atpc.it/

gli ATPC sono un duo torinese di Hip Hop. Si chiamano Rula e Sly. Sly in realtà è il nome d'arte di Luca Correggia. Avete capito bene, ma non sono io e non mi assomiglia per niente. Nel album Anima e Corpo gli A.t.p.c. scoprirono e lanciarono le qualità di un certo “Tiziano Ferro” che esordì ufficialmente in qualità di corista nel pezzo “Sulla mia Pelle” e successivamente seguì il gruppo nelle esibizioni dal vivo.